venerdì 27 gennaio 2017

5 cose che..: 5 libri per non dimenticare "La Giornata della Memoria"




Cari lettori, oggi è venerdì e come ogni venerdì ci ritroviamo per la rubrica "5 cose che" organizzata  dal blog Twins Books Lovers (se volete info su questa rubrica o volete partecipare anche voi cliccate QUI). Ho aderito a questa bella iniziativa che consiste nel fare una lista di 5 cose su un tema ben preciso, che si stabilisce settimana per settimana. Oggi, venerdì 27 Gennaio abbiamo scelto un tema che ci sta molto a cuore cioè, il Giorno della Memoria. Purtroppo non tutti si ricordano che in questo giorno si commemorano le vittime dell' Olocausto, in quando il 27 gennaio del 1945 le truppe dell'Armata rossa liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. Per dare una scossa a tutti coloro che ne sanno davvero troppo poco riguardo questa pagina così triste dell'umanità, noi blogger abbiamo deciso di proporre una lista di 5 libri che abbiano la resistenza, lo sterminio degli ebrei e la violenza dell'olocausto per tema. Ecco le mie 5 scelte:




L'amico ritrovato di Fred Uhlman 




Questo commovente romanzo tratta dell'amicizia tra due ragazzi Konradin e Hans, quest'ultimo di origine ebrea. I due stringeranno un legame molto forte, ma nel momento in cui Hans si renderà conto che Konradin non vuole fargli conoscere la sua famiglia perché sua madre odia gli ebrei, il loro rapporto sarà compromesso. Nonostante ciò, Hans non dimenticherà mai Konradin, soprattutto una volta che la seconda guerra mondiale sarà terminata.










Storia di una ladra di libri di Markus Zusak

“Si dice che la guerra è la migliore amica della morte, io invece vorrei offrire un diverso punto di vista su tutto questo. Per me la guerra è come il nuovo capo che chiede l’impossibile.”

A narrare la vicenda di Liesel Meminger è la morte. La protagonista di questo romanzo viene data in affidamento ad Hans e Rosa Hubermann, per via del fatto che la sua madre naturale è una comunista e deve lasciare la Germania per scappare dalle persecuzioni naziste.In questo periodo Liesel, intreccerà un legame molto forte con il suo vicino di casa, Rudy Steiner e rivelerà ad Hans di essere analfabeta, così che lui le insegnerà a leggere il Manuale del Becchino, che la ragazza aveva rubato durante il funerale del fratello, ed altri libri che riuscirà ad acquistare per lei. Da quel momento Liesel svilupperà una passione viscerale per i libri, che le permetterà anche di salvarsi la vita.






Cinque storie ferraresi di Giorgio Bassani


Vi segnalo questo libro che mi è capitato di leggere per un esame dell'università, ma che ho apprezzato molto. Si tratta di una raccolta di racconti tutti ambientati a Ferrara durante un periodo compreso tra la Seconda guerra mondiale e il dopoguerra. In questo particolare caso, vi consiglio la lettura del racconto "Una lapide in via Mazzini", in cui l'autore descrive la storia di Geo Josz, deportato nel 1943 a Buchenwald insieme ad altri membri della comunità israelitica che tutti avevano ormai considerato morti, ma mentre un operaio sta fissando una lapide commemorativa in loro onore, si accorge che vi è un superstite: Geo Josz. A questo punto Bassani, ci fa comprendere come sia dura ricominciare dopo un'esperienza così drammatica, perché anche se è un miracolo essere sopravvissuti all'orrore dell'Olocausto, tornare alla vita di tutti i giorni non è affatto semplice. 







Il diario di Anna Frank



In questo giorno non si può non rileggere almeno una pagina di questo famoso diario. Ogni volta che lo apro mi vengono i brividi, ripenso a tutti i sogni e i desideri di questa ragazzina, che sono stati spazzati via con una violenza inaudita. Lei era una di noi, una ragazza con un diario in cui appuntava tutta la sua vita, una ragazza che è diventata immortale.









Se questo è un uomo di Primo Levi




Non c'è bisogno che io aggiunga parole su quest'opera. Appena pensiamo alla Shoah e alla persecuzione degli ebrei ci sovviene subito alla mente "Se questo è un uomo", che Levi ha scritto proprio come testimonianza di questo tragico avvenimento storico.
















Dopo aver elencato le mie 5 scelte, voglio comunque lasciarvi con una poesia che amo molto, è di Joyce Lussu e mi capita di rileggerla ogni 27 Gennaio. 


C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica
‘Schulze Monaco’.
C’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buckenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’ eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono.
C’è un paio di scarpette rosse
a Buckenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole.




Per non dimenticare....




23 commenti:

  1. Ciao, hai scelto libri che andrebbero letti da tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo con questi post che abbiamo creato di sensibilizzare un po' di persone a leggere e a conoscere di più questo triste avvenimento storico.

      Elimina
  2. Condividiamo Se questo è un uomo! Degli altri mi manca L'amico ritrovato e Cinque storie ferraresi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinque storie ferraresi te lo consiglio, anche per gli altri racconti che troverai all'interno perché ti fa riflettere su molti temi davvero ostici.

      Elimina
  3. Il Diario di Anne Frank non mi è piaciuto più di tanto, ma tra i titoli che hai citato ho amato La bambina che salvava i libri ♥ grazie di essere passata da me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rowan! Sicuramente "storia di una ladra di libri ha appassionato tanti lettori come noi, io ho addirittura versato tante lacrime! Alla prossima :*

      Elimina
  4. "Storia di una ladra di libri" l'ho inserito anche io! Inoltre ho letto anche "Diario" di Anne Frank e "L'amico ritrovato", sebbene non li abbia inseriti. Adoro, però!

    Mi sono iscritta con piacere ai lettori fissi!
    Se ti va, ti lascio il mio post!
    http://andibelieveinabookagain.blogspot.it/2017/01/5-cose-che-9.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara, che carina che sei! Certo, passo subito da te!

      Elimina
  5. Bei titoli! L'amico ritrovato è un altro titolo celebre per questo argomento che mi manca... dovrò rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un libricino davvero piccolo, ma è da leggere assolutamente!

      Elimina
  6. Dei tuoi tuoi libri scelti, Annamaria, ancora devo leggere storia di una ladra di libri, ma provvederò presto!

    Se vuoi dare uno sguardo ai miei: https://controletture.wordpress.com/2017/01/27/5-cose-che-5-5-libri-per-non-dimenticare

    Sil.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia, devi leggerlo anche se preparati a versare un mare di lacrime. Vado subito da te!

      Elimina
  7. Ciao!
    "Storia di una ladra di libri" è un libro che ho in WL e che mi piacerebbe tanto leggere.
    Purtroppo non ho mai letto "L'amico ritrovato", ma voglio recuperare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Storia di una ladra di libri" è una lettura davvero intensa, rifletti sul momento giusto in cui leggerlo e "apriti" alle emozioni che ti darà!

      Elimina
  8. Post davvero bello, Storia di una ladra di libro l'ho letto e l'ho amato. Anche il film :)

    passa se ti va <3 http://angelsbook-reader.blogspot.it/2017/01/5-cose-che-5-libri-per-non-dimenticare.html

    RispondiElimina
  9. Ciao sono una nuova lettrice, se ti fa piacere ti lascio il link del mio post: http://ilmondodicry.blogspot.com/2017/01/5-cose-che_27.html?spref=fb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Cristina! Vado subito a dare uno sguardo al tuo mondo!

      Elimina
  10. Ciao, la poesia che hai citato ce la leggevano ogni anno quando andavo alle scuole medie, mi ha sempre commossa.
    Per quanto rigurarda i libri di cui hai parlato, io ho letto "Storia di una Ladra di libri" e "L'amico ritrovato", due libri diversi ma entrambi molto belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emili, quella poesia è anche per me un ricordo di scuola che difficilmente se ne andrà via dalla mia mente.

      Elimina
  11. Il diario di Anne Frank è il mio libro del <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ogni volta che lo apro piango, ma ne leggo sempre qualche pagina in questo periodo!

      Elimina
  12. Ciao Annamaria! Finalmente riesco a passare a leggere il tuo post! Ottime scelte, mi sono segnata Cinque storie ferraresi che non conoscevo! Io ho inserito Il giardino dei Finzi-Contini e non mi dispiacerebbe leggere qualcos'altro di Bassani, soprattutto se riguarda lo stesso argomento! Tra gli altri purtroppo mi mancano Se questo è un uomo e L'amico ritrovato, spero di recuperare entrambi prima o poi!

    RispondiElimina